Obbligo di nomina del RSPP

da | Giu 25, 2013 | sicurezza lavoro | 0 commenti

Il datore di lavoro, in ogni settore, in ogni luogo di lavoro è soggetto a due obblighi inderogabili:

  • designazione del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi;
  • la valutazione dei rischi e la stesura del DVR.

Il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione è una figura aziendale obbligatoria, secondo quanto previsto dal D.Lgs. 81/08 – Testo Unico sulla Sicurezza sul lavoro.
Vista la sua importanza gli obblighi dell’RSPP sono molteplici e vengono tutti elencati nel citato decreto legislativo.
Questo compito viene svolto da un elemento interno all’azienda, che può essere anche il datore di lavoro, oppure da un consulente esterno, esperto in sicurezza sul lavoro.
Il TU all’art.2 comma 1 lettera f) definisce il RSPP:
“Persona in possesso delle capacità e dei requisiti professionali di cui all’articolo 32 designata dal datore di lavoro, a cui risponde, per coordinare il servizio di prevenzione e protezione dai rischi.”

Come anticipato gli obblighi dell’RSPP vengono indicati nel D.Lgs. 81/08, in particolare:

  • nell’articolo 33 – Compiti del servizio di prevenzione e protezione;
  • nell’articolo 34 – Svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi e
  • nell’articolo 35 – Riunione periodica.

 

 

CONTATTAMI PER APPROFONDIMENTI….

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Scrivi la tua richiesta

    Sono al corrente che i miei dati verranno trattati nel totale rispetto della mia privacy, come riportati nel Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196. Leggi la mia Privacy Policy completa.

    0 commenti

    Invia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Superbonus 2022

    Superbonus 2022: come funzionano le nuove scadenze? L'attuale versione dell'art. 119 del Decreto Rilancio prevede una scadenza unica del superbonus 110% al 30 giugno 2022 con alcune eccezioni. Vediamo quali. Superbonus 2022: non cambia la scadenza per la fruizione...

    it_ITItalian